Finchè essa dura, voi stessi siete musica.
T.S. Eliot

sabato 24 agosto 2013

Ci siamo trasferiti un po' più in là

Anche se non scrive da tempo su queste pagine, Fiordiligi non ha smesso di ascoltare musica e, men che meno, di parlarne. Si è solo trasferita un po' più in là - su Facebook, per intenderci - dove spera di incontrarvi di nuovo.
 Il blog resterà attivo come archivio, ma non sarà più aggiornato. Fiordiligi vi ringrazia di cuore per l'affetto e l'interesse che avete dimostrato per queste pagine e anche per chi le ha scritte.
"Ma se in vece fossimo riusciti ad annoiarvi, credete che non s'è fatto apposta".
State bene. 


"Sine musica, nulla vita"

sabato 10 marzo 2012

Nazioni barocche e viaggi musicali

Durante l'età barocca, a differenza del successivo cosmopolitismo settecentesco, ognuna delle nazioni culturalmente più rilevanti d'Europa possedeva uno stile musicale provvisto di caratteristiche fortemente peculiari.
Così, se lo stile da concerto italiano era ben riconoscibile per le sue 'terrazze sonore' e la vivacità dell'incedere tematico, lo stile tedesco era imperniato sul dipanarsi di uno spesso ordito polifonico. Lo stile francese combinava invece la solennità delle cerimonie di corte, accompagnate da musiche dal caratteristico ritmo puntato, alla leggerezza della danza e alla seduzione di una vocalità ricca di molli fioriture.
In rete si trova un bel concerto di musiche barocche francesi eseguite dai musicisti de Il Giardino armonico. Anche se le scelte di regia appaiono a tratti piuttosto discutibili (certi montaggi sono da mal di mare), le musiche sono splendide e interpretate con rigore e passione.


Naturalmente, per scrivere in stile francese non occorreva essere nati in terra di Francia, come mostra la meravigliosa Chaconne di Telemann inclusa nel concerto.
Ma il più ardito viaggiatore del barocco musicale resta comunque Bach che, senza mai mettere piede al di fuori della Germania, creò capolavori in tutti gli stili musicali dell'epoca.
Ascoltare per credere.

Concerto nach Italienische Gusto


che sembra ancora più italiano se lo si trascrive per ensemble polistrumentale:


Ouverture in si minore BWV 1067 (francesissima l'introduzione, mentre tipicamente tedesca è la sezione fugata immediatamente successiva, a 2'25'')


E naturalmente quell'immenso compendio di stile e invenzione che è il Clavicembalo ben temperato (qui sotto un preludio francese seguito da una fuga teutonicissima)


*

lunedì 30 maggio 2011

Be yourself!

L'amico Yuri ha condiviso su FB questo bellissimo video. Lo si trova su YouTube con il titolo "Chi l'ha detto che la chitarra si suona in un modo solo?"



A volte siamo così invischiati nelle convenzioni da dimenticarci che c'è sempre un'altra via, non la migliore, non la peggiore, semplicemente diversa: la nostra.
Che può condurre a risultati meravigliosamente inaspettati!

mercoledì 18 maggio 2011

Sul nome Bach

Per restare in tema, segnalo il film di Francesco Leprino "Sul nome B.A.C.H., contrappunti con l'Arte della fuga", una produzione italo-tedesca che è in corso di proiezione (gratuita) a Milano, in varie sedi, fino al 21 maggio. A questo indirizzo tutte le informazioni utili. Le proiezioni coinvolgono personalità del calibro di Quirino Principe, Arnoldo Foà, Luigi Garbini e.. Stefano Bollani (per una volta, almeno, Allevi non c'entra).

*

giovedì 12 maggio 2011

I nuovi "Brandeburghesi"


Leggo con piacere che gli amici della Scuola Mozart stanno preparando con la loro orchestra un concerto brandeburghese di Bach, musica dalla suggestione sempre viva e attuale: in altre parole, un classico. E la potenza dei classici, come affermava Italo Calvino, è di non aver mai finito di dire ciò che hanno da dire, stimolando un inesauribile circuito di riletture e interpretazioni.
Significativa, in tal senso, l'iniziativa della Orpheus Chamber Orchestra, ensemble americano noto per la sua consuetudine di suonare senza direttore, che nel 2006 ha varato il Brandenburg Project.

L'obiettivo di questa avventura è duplice: tributare un omaggio alla silloge bachiana e, al tempo stesso, ampliare il repertorio contemporaneo per orchestra da camera. Così sono stati commissionati sei lavori ad altrettanti compositori, che dovevano trarre spunto da un diverso concerto brandeburghese per l'elaborazione della propria opera. L'ascoltatore, opportunamente guidato, ha così avuto l'opportunità di gustare nuova musica e di rileggere sotto una nuova luce i capolavori bachiani.

E qui ritorniamo al discorso stimolato dal post di Sara sull'originalità: ognuno dei compositori ha avuto come punto di partenza Bach, ma quale aspetto dei singoli concerti è alla base della propria rielaborazione?
Stephen Hartke e Christopher Theophanidis utilizzano la strumentazione bachiana, Paul Moravec accosta l'immagine di Bach come 'portale' della musica moderna alla porta di Brandeburgo e alla caduta del muro di Berlino; Melinda Wagner parte dalla formula melodica del 'nome di Bach' (decisamente l'idea meno originale); Aaron Jay Kernis riprende l'idea di accumulo strumentale propria del sesto brandeburghese; Peter Maxwell Davies decide di omaggiare dichiaratamente i committenti partendo dalla figura di Orfeo e, ispirandosi al sincretismo linguistico di Bach, fonde stilemi tipicamente barocchi, come la fuga, con altri di differente derivazione (il canto gregoriano, ad esempio).

Il risultato dell'operazione? Ognuno lo può ascoltare sul sito dei New Brendenburgs dove l'esecuzione di ogni opera è affiancata da una dettagliata illustrazione delle tecniche compositive.

*

domenica 8 maggio 2011

"Furti" d'artista

E' nato da poco il blog in cui Sara, giovane studentessa dalla spiccata vena creativa, parla della sua passione nella realizzazione di bijoux, realizzati spesso a partire da materiali di riuso, nel rispetto dell'ambiente. In questo post Sara parla di un argomento interessante sotto più di un aspetto: un artista può definirsi originale? O non è piuttosto un 'ladro', un bacino collettore di idee e spunti altrui?
Sara compie queste riflessioni a partire da un intervento molto stimolante di Austin Kleon, scrittore americano, zeppo di intuizioni sulla creatività sui cui si potrebbe discutere a lungo, anche per quanto riguarda l'ambito musicale.

Un mio insegnante di composizione invitava gli allievi a elaborare molti brani "à la manière de...", prima di procedere alla stesura di un proprio pezzo "originale".
Sulle prime l'idea sembrava costrittiva - e il mio contributo qual è? - ma in questo modo ognuno si muoveva già con una certa sicurezza senza la paralisi da pagina bianca, ottenendo la soddisfazione di arrivare a un prodotto compiuto. E, soprattutto, costruendo una consapevolezza stilistica che sarebbe risultata importante nel momento in cui avrebbe spiccato il volo con le proprie ali.
Kleon a proposito è molto netto: "Write what you like". E non "what you know". Ma, va da sè, che chi scrive opere narrative ha già acquisito un bagaglio di conoscenze 'grammaticali' e stilistiche di cui chi inizia a scrivere musica raramente dispone da subito.
E allora lo stimolo, l'aggancio è fondamentale. E' successa la stessa cosa con me, ora. Il post di Sara mi è piaciuto, mi ha fornito lo stimolo per scrivere. E forse il mio post alimenterà la creatività di qualcun altro. Il circuito delle idee funziona proprio così.
(ma ricordatevi di citare sempre le vostre fonti: è ciò che distingue un "furto artistico" da una vigliaccheria...)

*